Osteopatia

osteopatia3gIn osteopatia non esistono protocolli standard, perciò il trattamento è sempre personalizzato e conseguente ad un’attenta e scrupolosa Valutazione iniziale in base alla quale si costruisce il programma terapeutico che consiste mediamente in 3-5 sedute, di solito a cadenza settimanale e della durata media di 30 minuti e si basa su di un sistema di tecniche esclusivamente manuali (non si usano macchine e nemmeno farmaci) che si effettuano sulle componenti osteo-articolari, muscolari, fasciali e viscerali del corpo umano.

osteopatia4L’obiettivo del trattamento osteopatico è quello di eliminare le restrizioni di mobilità (“lesioni osteopatiche”) e ristabilire così una buona funzionalità (articolare, muscolare, fasciale, circolatoria, nervosa e viscerale) che consenta al corpo di affrontare e risolvere in modo efficace le alterazioni funzionali che si presentano, sviluppando al meglio le naturali capacità di autoregolazione ed autoguarigione.

Grazie alla loro dolcezza e rispetto per il corpo i trattamenti osteopatici possono aiutare l’organismo in tutte le fasi della vita.

Neonatale

Durante il parto naturale il nascituro è sottoposto a importanti sollecitazioni durante il passaggio attraverso il canale vaginale, il cranio del neonato ha la capacità di assorbire queste forze deformandosi al momento, per poi tornare in breve alla forma originale.

neonatale1

Tuttavia questo processo, specialmente in caso di complicanze, può risultare incompleto e causare al neonato tensioni che si manifestano in vari modi:

  • difficoltà nella suzione
  • rigurgiti
  • disturbi del sonno
  • infiammazione del dotto lacrimale
  • piede torto
  • torcicollo miogeno
  • singhiozzo insistente
  • coliche addominali

neonatale2

Tutto questo può essere efficacemente trattato con l’osteopatia pediatrica di cui si occupa il collega Dr.Mengoli Roberto.

Età Evolutiva

Nei primi anni di vita i bambini possono poi manifestare alcuni problemi dovuti a traumatismi subiti durante la gravidanza e/o il parto, quali:

  • asma
  • bronchiti ricorrenti
  • otiti ricorrenti
  • disturbi del sonno
  • reflusso gastroesofageo

evolutiva

Tutto questo può essere efficacemente trattato con l’osteopatia pediatrica di cui si occupa il collega Dr.Mengoli Roberto. Crescendo poi il bambino può manifestare alterazioni strutturali locali (piedi e/o ginocchia vari, valghi, piatti, ecc.) o globali (scoliosi) per le quali l’osteopatia nella sua totalità può dare un contributo fondamentale al buon esito del lavoro in èquipe.

Età Adulta

Il trattamento ostepatico completo in tutte le sue sfaccettature può influire positivamente su molteplici problematiche, quali:

  • dolori relativi a tutta la colonna vertebrale: cervicalgia, dorsalgia, lombalgia, sacralgia, pubalgia; ma anche dolori riferibili a discopatie possono essere alleviati
  • dolori articolari: caviglia, ginocchio, anca, spalla, gomito, polso e temporo-mandibolare
  • dolori nevralgici: cervico-brachialgia, sciatalgia, cruralgia
  • dolori da infiammazioni muscolo-tendinee: periartiti di spalla, epicondiliti, pubalgie, fasciti plantari e tendiniti varie
  • fibromialgia
  • esiti di colpi di frusta e traumi diretti
  • cefalee muscolotensive
  • disfunzioni digestive, intestinali e uro-genitali.

adulti


Correlazione tra Osteopatia e Occlusione Dentale

occlusioneLa bocca nella sua totalità rappresenta un elemento di primaria importanza in campo sia osteopatico che posturale, sia perchè comprende un’articolazione, quella temporo-mandibolare, che, come tutte le articolazioni, può essere interessata da lesioni di tipo osteopatico, sia perchè tutte la alterazioni del rapporto occlusale (ovvero il rapporto fra l’arcata superiore e quella inferiore quando i denti sono in contatto) producono delle tensioni a livello dei muscoli e delle fasce che si trasmettono attraverso le cosiddette “catene” fasciali e muscolari coinvolgendo zone del corpo anche molto distanti dalla bocca (colonna vertebrale, arti superiori e inferiori, strutture viscerali) e viceversa, tensioni periferiche possono risalire fino alla bocca e alterare il piano occlusale.

Avremo così delle problematiche discendenti o ascendenti o anche miste, che sono anche le più complesse.

Queste tensioni possono produrre delle significative alterazioni della postura (ad esempio sono una delle cause di insorgenza di una Scoliosi) e/o produrre delle sintomatologie dolorose importanti (es. una lombalgia) quando il corpo non riesce più a compensare in altro modo i sovraccarichi tensionali.

E’ questo il motivo per cui sempre più frequentemente l’Osteopata lavora in contatto ed in collaborazione con Odontoiatri e Ortodonzisti, nonchè con tutte le altre figure professionali che si occupano di problemi posturali.

I contenuti e le informazioni di carattere medico e fisioterapico esposte nel presente sito rivestono carattere di mero scopo conoscitivo e non intendono in alcun modo sostituire il parere professionale di un medico o di un fisioterapista.